Al liceo Marconi di San Miniato la lectio magistralis su Dante del prof. Francesco Sabatini

Questa mattina nei locali dell’Aula Magna del liceo scientifico Marconi di San Miniato il prof. Francesco SABATINI ha tenuto una lectio magistralis su “Dante e le origini della lingua italiana”. All’evento, organizzato in collaborazione con il Rotary Club di Castelfranco di Sotto, hanno partecipato gli alunni delle classi quarte e quinte del nostro istituto, in presenza quattro classi, in rappresentanza degli indirizzi di studio, e le atre collegate in conferenza streaming dai locali della scuola, il Presidente del Rotary Club dott. Claudio Bartali, il Presidente della fondazione “Casa Montanelli” prof. Malvolti, il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato. La lezione è stata introdotta dal Dirigente Scolastico prof. Gennaro Della Marca che ha dato il benvenuto agli ospiti e ha presentato la figura del prof. Francesco Sabatini, insigne linguista e Presidente Onorario dell’Accademia della Crusca. Sono intervenuti in seguito il dott. Bartali e ha moderato il dibattito il prof. Malvolti. Ha preso la parola il prof. Sabatini che ha coinvolto gli studenti e i docenti catturando l’attenzione di tutti per più di un’ora. Il prof. ha spiegato in modo mirabile ai presenti la visione dantesca di una lingua comune che potesse unire un’Italia, all’epoca, frammentata e divisa in diverse regioni ciascuna con il proprio dialetto. La lezione è stata introdotta da un lungo excursus sulle origini della lingua, parlata e scritta, nonchè sulla morfologia del meccanismo umano di fonazione, abbracciando diversi campi del sapere dalla biologia alla linguistica alla storia medievale e alla letteratura, attraverso la citazione di illustri autori moderni e contemporanei uno fra tutti il filosofo Isodoro di Siviglia nella parte in cui afferma che le nazioni discendono dalle lingue e non viceversa (ex lingis gentes…). Gli alunni hanno salutato il prof. Sabatini con un lungo e sentito applauso al termine della sua conferenza. Il Dirigente Scolastico si unisce al plauso dei ragazzi e ringrazia tutto il personale dell’istituto e coloro che hanno reso possibile la riuscita dell’evento.

 

 

Leggi questo articolo su: https://www.gonews.it/2021/10/05/al-liceo-marconi-di-san-miniato-la-lectio-magistralis-su-dante-del-prof-francesco-sabatini/?fbclid=IwAR07sPWE7MiCV-W31sbHGMtwgO8LUp_-cjvNUqZF_HYRG-3bf3JEuxsvAV8
Copyright © gonews.it

Prevenzione di Alzheimer e demenza, screening gratuito a Castelfranco di Sotto

Prevenzione di Alzheimer e demenza, screening gratuito a Castelfranco di Sotto
Rotary Club Valdarno Inferiore promuove la prevenzione insieme al Centro Medici di Castelfranco di Sotto.
Dopo i 45 anni, lo screening della salute mentale dovrebbe essere una routine. Siamo abituatati a fare degli esami del sangue per monitorare lo stato di salute dei nostri organi interni, ma come prendiamo cura del nostro cervello? È un concreto invito a monitorare il proprio stato di salute che è nata la nuova iniziativa “Screening gratuito per la prevenzione del morbo di Alzheimer e altre forme di demenza”. Un servizio dedicato alla popolazione di Castelfranco di Sotto offerto gratuitamente dai medici del Centro Medico di Piazza Giusti n. 4 ai pazienti che ne facciano richiesta. Lo screening, promosso dal Rotary Club di Castelfranco di Sotto – Valdarno Inferiore, avrà la durata di un anno e sarà effettuato attraverso un software messo a punto da un gruppo internazionale di ricercatori, installato su un computer specifico e fornito in comodato gratuito per un anno dalla società tedesca “Advanced Digital Solutions OÜ”. L’iniziativa è stata presentata questa mattina, 29 settembre 2021, alla presenza del sindaco di Castelfranco di Sotto, Gabriele Toti, i medici di medicina generale, Sauro Bimbi, Agostino Bassi, Susanna Dini, Ranieri Torri e Paola Spitaleri, che hanno accolto la proposta fin dall’inizio con grande entusiasmo, insieme a Claudio Bartali, Presidente del Rotary Club Castelfranco di Sotto Valdarno Inferiore, sponsor dell’iniziativa. “Ringrazio il Rotary di Castelfranco per aver promosso questa importante iniziativa e i medici che si sono messi a disposizione per effettuare questi test di prevenzione totalmente gratuiti per la popolazione. Un grazie doveroso va anche alla società che ha fornito gratuitamente l’apparecchiatura – ha commentato Gabriele Toti – . Questa è un’occasione molto preziosa per sensibilizzare la comunità sul rischio di malattie mentali. Sono patologie che, se prese in tempo, possono essere rallentate e tenute sotto controllo. Molto spesso, purtroppo, non se ne ha una reale cognizione”. A chi serve? Poiché l’età è il maggior fattore di rischio per le demenze e le malattie neurodegenerative, si consiglia in particolare alle persone di età 60+ di sottoporsi agli screening regolari. I sintomi più caratteristici di morbo di Alzheimer sono deficit di memoria, problemi di linguaggio, confusione, cambiamenti di personalità, mancanza di iniziativa, disorientamento e perdita delle capacità di ragionamento. I cambiamenti anormali nel cervello iniziano fino a 20 anni prima della comparsa dei sintomi. Questa finestra temporale offre una possibilità di una diagnosi precoce. Perché è importante? Sebbene la conoscenza della malattia si sia notevolmente ampliata negli ultimi anni grazie ai progressi nel campo della genetica, della biologia molecolare e delle neuroscienze, la causa del morbo di Alzheimer e di tante altre malattie neurodegenerative non è ancora stata trovata. Gli scienziati concordano comunque sul fatto che molteplici fattori contribuiscono al quadro clinico. Poiché non esiste ancora una cura per il morbo di Alzheimer, la prevenzione e lo screening sono i concetti migliori per monitorare le funzioni cognitivi e psicologici in maniera da poter prontamente intervenire in caso di necessita. Considerato nel complesso, l’affaticamento del cervello e un argomento che dobbiamo affrontare insieme come società, consapevoli del contributo che noi stessi, come “proprietari del nostro cervello”, possiamo dare ad esso. Moltiplichi prove scientifiche mostrano che soprattutto nelle prime fasi del declino cognitivo si può intervenire e rallentare la degenerazione nel cervello attraverso un uno cambio di stile di vita. Come funziona? Lo screening ha una durata di circa 20 minuti ed è realizzato con BrainCheck_ND, un sistema digitale che consente di fare una prima analisi strutturata e standardizzata della salute mentale, basandosi su dei questionari sullo stato psicologico generale, sulle informazioni mediche della persona, sui test cognitivi e sui test psicometrici. La valutazione dello screening che ogni persona riceve al termine dello screening evidenzierà un profilo cognitivo-comportamentale ed eventuali aree deficitarie. Se lo screening riscontrerà dei deficit, i medici di famiglia potranno indirizzare il paziente al neurologo per un esame neurologico completo.
Copyright © gonews.it

Ripartire dal territorio e spilla due nuovi soci.

Il Rotary Castelfranco -Valdarno Inferiore riparte dal territorio e spilla due nuovi soci.
Sono la nota stilista Rosalba Valentini e Giuseppe Lupi, noto imprenditore a livello internazionale.
Per il Rotary Castelfranco di Sotto, il nuovo anno rotariano inizia con il club al completo e “celebrando” le eccellenze enogastronomiche del territorio e della tradizione.
“Da sempre – spiegano – il Rotary è sensibile alla valorizzazione del proprio territorio, della propria cultura e delle proprie eccellenze, anche gastronomiche e vinicole, ma questo primo appuntamento del club non ha unicamente rappresentato l’esaltazione del palato e del senso di appartenenza ad un territorio ed ai suoi prodotti. La serata ha riportato, dopo oltre un anno e nel rispetto della normativa anti covid, la convivialità al Rotary vista come importante momento aggregativo, di conoscenza e appartenenza e ha sancito una nuova ripartenza dopo il distacco e l’isolamento sociale portati dalla pandemia”.
Il presidente Claudio Bartali, salutando tutti i presenti e ricordando i progetti imminenti del Club, ha motivato alla rinascita, ripartendo proprio dalla storia, dalla tradizione e dalla cultura dei nostri luoghi. Ospiti della serata il pastpresident del Rotary di Empoli Luca Bartali, il socio Marino Marini di Pistoia, Martin Nimbach e i sindaci di Castelfranco di Sotto Gabriele Toti e quello di Montopoli Valdarno Giovanni Capecchi.
Claudio Bartali ha ulteriormente arricchito l’organico del club, spillando due nuovi soci: la nota stilista Rosalba Valentini, presentata nel suo curriculum da Roberto Ferrato e Giuseppe Lupi, presidente della Uct e noto imprenditore a livello internazionale, presentato dal presidente incoming Cornelia Henkel.

Consegna delle agende

Oggi è avvenuta la consegna delle agende alla presenza del Sindaco di Castelfranco di Sotto Gabriele Toti, del Dirigente Scolastico Sandro Sodini, del Presidente del Rotary Club di Castelfranco di Sotto – Valdarno Inferiore Claudio Bartali e del titolare della Società Sicurdelta David Del Tacca.
Un progetto messo in piedi in poco tempo, semplice, ma significativo: per l’anno scolastico 2021-2022 sarà consegnato gratuitamente agli alunni e alle alunne a partire dalla classe seconda della scuola primaria fino alla terza della secondaria, in tutte le scuole di Castelfranco di Sotto, il diario scolastico.
L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra il Rotary Club di Castelfranco Valdarno inferiore e l’istituto comprensivo Leonardo da Vinci e dal supporto della Società Sicurdelta che ha accolto la proposta e finanziato completamente l’acquisto dei diari.
Un contributo che pur rimanendo un gesto simbolico, soprattutto in un momento come questo, assume particolare rilevanza evidenziando il valore della collaborazione fra la scuola, famiglia e territorio nel processo educativo e di crescita delle nuove generazioni.

Lettera alle socie e soci italiani del Rotary International

Lettera alle socie e soci italiani del Rotary International
Afghanistan una tragedia che ci colpisce profondamente
Carissime Socie e carissimi Soci di tutti i Club dei 14 Distretti italiani del Rotary International, la tragedia in atto in Afghanistan ci colpisce profondamente come uomini e donne liberi e ancora più come Rotariani, scuotendo le nostre coscienze.
Non possiamo non considerare le evidenti responsabilità del mondo occidentale del quale facciamo parte. In Afghanistan sono operativi tre Club Rotary, uno a Kabul, un secondo ad Herat (attualmente presieduto da una donna), un terzo a Jalalabad; non occorre aggiungere nulla sulla sorte a cui possono andare incontro questi rotariani che si trovano a condividere in toto i nostri valori in una terra “sbagliata” così come sulla sorte di tanti Afghani che hanno combattuto accanto agli occidentali per la difesa dei diritti dell’uomo e della donna, forse traditi dagli stessi che avevano fatto loro credere che avrebbero continuato a vivere in uno stato democratico dopo il ritiro delle forze militari occidentali.
Per noi Governatori, così come sicuramente per tutti voi, è un dolore enorme con il quale conviveremo a lungo; siamo tutti fortemente preoccupati soprattutto per il destino delle donne, delle ragazze e dei bambini afghani; non dimentichiamo il Focus di quest’anno del P.I. Shekhar Mehta, “Empowering girls” oggi, più di prima (e non sembrava possibile) quanto mai attuale; il sostegno a queste persone deve essere una nostra priorità assoluta.
Come Rotary International , tutti noi 14 Governatori in carica dei Distretti di Italia, San Marino e Malta, abbiamo inviato al Presidente del Consiglio una lettera aperta (che vi alleghiamo) nella quale abbiamo affermato la totale disponibilità dei 14 Distretti italiani, a fare tutti insieme qualcosa di concreto, insieme alle istituzioni nazionali ed europee e ad altre associazioni di servizio, una volta che siano concessi dei corridoi umanitari sui quali ovviamente non possiamo in alcun modo incidere, ma possiamo solo aspettare che vengano prese le giuste, si spera, decisioni a livello politico nazionale ed europeo.
Interventi dei singoli rotariani o di Club in questa delicata fase potrebbero rivelarsi scarsamente efficaci ; solo con un’unica voce del sistema Rotary potremo avere ascolto ed intervenire per aiutare concretamente i profughi afghani.
Per il momento possiamo solo continuare a seguire, con iniziative varie, le altre calamità naturali (in alcuni casi con il concorso dell’uomo), che purtroppo hanno colpito alcune regioni italiane, alcuni stati europei e da ultimo la Repubblica di Haiti con un devastante terremoto; quanta sofferenza c’è nel mondo!!!
Tornando alla tragedia afghana, sarà invece determinante dare la giusta ed efficace partecipazione e il supporto a programmi nazionali e internazionali di accoglienza e di inserimento di tutte queste persone e delle loro famiglie, a mano a mano che i corridoi umanitari avranno dato loro la possibilità di entrare in Italia, una volta terminato il periodo di quarantena obbligatoria per la pandemia Covid.
In quel momento avremo l’opportunità di impegnarci con tutte le nostre forze per l’inserimento sociale e il sostegno di queste famiglie e potremo anche contare sull’aiuto di tutti i rotaractiani dei 14 Distretti. Particolarmente efficaci potrebbero essere la ricerca di appartamenti sfitti di rotariani per dare subito a loro un tetto per dormire; una prima raccolta fondi per provvedere al loro sostentamento (sicuramente non mancheranno sussidi nazionali e/o comunitari); l’inserimento nel mondo del lavoro: molti di loro avranno titoli di studio e competenze specifiche, altri no, ma contando su 39.000 rotariani, dei quali molti imprenditori ed industriali, non sarà un’impresa disperata trovare per alcuni di loro una opportunità di lavoro, sempre in accordo e nell’ambito di programmi istituzionali di accoglienza e sostegno.
Allora sì che i Club ed i 14 Distretti italiani, sia del Rotary che del Rotaract, avranno dimostrato nei fatti la solidarietà ed avremo così tutti quanti onorato l’impegno di “servire per cambiare vite”.
Punta Ala, 23 Agosto 2021
I 14 Governatori italiani
Luigi Viana Distretto 2031
Silvia Scarrone Distretto 2032
Manlio Alberto Grassi Distretto 2041
Edoardo Gerbelli Distretto 2042
Sergio Dulio Distretto 2050
Raffaele Caltabiano Distretto 2060
Fernando Damiani Distretto 2071
Stefano Spagna Musso Distretto 2072
Gabriele Andria Distretto 2080
Gioacchino Minelli Distretto 2090
Costantino Astarita Distretto 2101
Fernando Amendola Distretto 2102
Gaetano De Bernardis Distretto 2110
Gianvito Giannelli Distretto 2120
Di seguito la lettera dei Governatori al Presidente del Consiglio